SANREMO 2018 – LE MIE PAGELLE

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- Filament.io 0 Flares ×

La 68esima edizione del Festival della Canzone Italiana e stata non soltanto la più seguita della storia, ma anche la più discussa, amata, criticata.

Come sempre non sono mancate le minuziose vivisezioni degli outfit indossati dai conduttori e dai cantanti tutti, personalmente nulla, ma proprio nulla mi ha fatto impazzire, sapete bene che mi riferisco esclusivamente ai look, ergo vestiti, scarpine, borsette ed altre adorabili sciocchezzuole che fanno impazzire noi altre femminucce.
Ecco gli outfit che ho amato di più…

Sua Maestà Michelle, in questo caso indossa gli abiti di Alberta Ferretti e Armani Privé. voto 10!

La Pausini con i look difficilmente mi convince ma questa volta, in quest’abito firmato Armani Privé, è assolutamente elegantissima! Bello anche l’hairstyling e il makeup… 10!

Nina Zilli è una che osa, e lo sa fare. In Vivienne Westwood… io dico 9!

Biago Antonacci. Ineccepibile, e aiutato indubbiamente dalla sua fisicità. Bello bello. 10!

Decibel. Rock forever and ever… 8!

Adesso cominciano le dolenti note… divertiamoci un po’!

Claudio, amico mio, ho cantato e sognato insieme a te per tutta la mia gioventù, ti attendo speranzosa come una scolaretta col professore figo, e tu, tra l’altro in Ermanno Scervino… ti presenti così? Ma pure Ermanno… ma il fitting lo avete fatto? Vabbè… non do il voto, rimandato a settembre!

Noemi, amore mio e non c’hai il fisico! E credimi io ti adoro. Ma una scollatura così o sei Carla Bruni ai tempi, o è meglio soprassedere. Voto 4. Sorry.

Ecco quest’abito qui, ha fatto discutere. Moschino. C’è chi lo ha definito un radicchio gigante, chi più romanticamente un’orchidea (credo sia questo l’intento della Maison), tuttavia non mi ha convinta per niente. Voto 3!

E vabbè che Antonellina ha il suo stile, ma perché travestirsi da Tina Cipollari? Ahhh è Carnevale… 2. Punto.

Ve lo giuro ci ho messo un po’ a capire. Anzi credo di non averlo ancora fatto. Un’unica domanda mi sorge spontanea: Perché Arisa, perché?

Bene fanciulle, mi fermerei anche qui, col saluto festoso di Arisa, vi anticipo però che a breve partirà un altro circo d’eccezione… la Milano Fashion Week e io non me la perderò di certo! Sarete con me verooo?

Love.
Dea.

 

Photo: Grazia.it

Commenta qui

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *